Approfondimenti - Il Consiglio News Feed

venerdì, ottobre 19, 2007

Ed ora zittiteci tutti?

Sulla blogsfera oggi sembra essersi scatenato l'inferno, tra i commenti allarmati su questo stesso blog e addirittura un post sul blog del presidente dell'ARS Gianfranco Miccichè.

Il governo si appresta infatti a varare le nuove regole per l'editoria, e qualcosa sembra non quadrare. Ecco gli articoli incriminati:

Per prodotto editoriale si intende qualsiasi prodotto contraddistinto da
finalità di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento,
che sia destinato alla pubblicazione, quali che siano la forma nella quale
esso è realizzato e il mezzo con il quale esso viene diffuso (Art.2, comma 1)


Per attività editoriale si intende ogni attività diretta alla realizzazione e
distribuzione di prodotti editoriali, nonché alla relativa raccolta
pubblicitaria. L’esercizio dell’attività editoriale può essere svolto anche in
forma non imprenditoriale per finalità non lucrative (Art. 5)


L’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione dei soggetti che
svolgono attività editoriale su internet rileva anche ai fini dell’applicazione
delle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa (Art. 7, comma 1)


Per le attività editoriali svolte su internet dai soggetti pubblici si considera
responsabile colui che ha il compito di autorizzare la pubblicazione delle
informazioni (Art. 7, comma 2)


Dovranno i blog essere iscritti al ROC (Registro Operatori di Comunicazione) in quanto, come da Art. 5, anche le attività non lucrative diffuse tramite internet dovranno attenersi alla normativa generale che regola le attività di editoria?

Secondo me assolutamente no, visto che il nuovo decreto non prevede una modifica della definizione di prodotto editoriale. Ed infatti all'Art. 6, comma 2 leggiamo:

L’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione è condizione per
l’inizio delle pubblicazioni dei quotidiani e dei periodici, e sostituisce a
tutti gli effetti la registrazione presso il Tribunale, di cui all’articolo 5 della
legge 8 febbraio 1948, n. 47. Sono fatti salvi i diritti già acquisiti da parte
dei soggetti tenuti a tale registrazione in base alla predetta normativa


Secondo la definizione vigente, per essere considerato un prodotto editoriale la pubblicazione deve essere periodica, ed ai blog difficilmente potrà essere appiccicata l'"accusa" di periodicità. E' proprio per questo motivo che in fondo a quasi tutti i blog si trova quel famoso disclaimer.

Che il governo italiano stia provando a mettere il bavaglio alla rete lo sappiamo, ma non crediate che in Europa ed in Occidente in generale le cose possano essere fatte in modo così spudorato. Basterebbe un ricorso alla corte europea per far crollare tutto.

In ogni caso è bene stare all'erta. Anche nei confronti di chi cerca di fare capitale politico a basso costo. Caro Presidente Miccichè, ma chi vuole che ci creda che una legge così illiberale possa passare senza il beneplacito dell'opposizione? Su un'altra cosa sono però d'accordo con il Presidente: siamo peggio che in Cina. Ma per molte altre cose, ed anche molto più gravi di questa.

10 commenti:

Abate Vella ha detto...

Si ci mettono anche le testate nazionali:

http://www.corriere.it/politica/07_ottobre_20/ddl_blog_internet.shtml

Rimango della stessa idea: il tentativo c'é, ma mi sembra più una intimidazione che qualcosa di scritto chiaramente nella legge. Al solito, all'italiana si sta facendo una legge che metta un pò di confusione.
Però se non cambiano la definizione di prodotto editoriale, basato sulla periodicità, il succo non cambia. Altrimenti anche per stampare un annuncio mortuario in Sicilia dovremo iscriverci al ROC!

www.siciliapaisi.org Rino Baeli ha detto...

La Sicilia non si era mossa, nel 1860. O, se si mosse, dove si mosse, non fu certo nel senso unitario voluto dai piemontesi. Fu per proclamare una Sicilia indipendente, repubblicana, nella quale la povera gente potesse vivere in pace senza essere sfruttata da nessuno.
Ma questi movimenti non potevano piacere. E così, prima ancora che terminasse il 1860, Bixio, mandato da Garibaldi, dovette correre a Bronte e in molti altri paesi, con truppe non siciliane, per domare la vera, autentica rivoluzione siciliana che incominciava.
A Bronte fece fucilare cinque persone. Altrove, di più. Impose taglie e multe alla popolazione, che cercò di atterrire in tutti i modi. “Missione maledetta (confessò più tardi lo stesso Bixio) alla quale un uomo della mia natura non dovrebbe mai essere mandato!”.
Poi gli italiani scesero in Sicilia. Luogotenenti, Commissari civili, stati d’assedio e altre misure eccezionali imperversarono in Sicilia a partire dall’unificazione.

Il primo stato d’assedio fu proclamato in Sicilia nel 1862; ed esso, come disse Crispi, lasciò terribili tracce.
Nell’anno seguente, si ebbe di fatto il secondo stato d’assedio con la missione del generale Govone il quale apertamente violò le leggi dello Stato.
Sotto il generale Govone, per combattere i renitenti alla leva, i Comuni siciliani venivano cinti da cordoni militari o presi addirittura d’assalto; senza mandato di cattura venivano arrestati sindaci e consiglieri comunali; venivano presi ostaggi, comprese le donne incinte, una delle quali (Benedetta Rini, di Alcamo), quasi al termine della gravidanza, morì in carcere dopo quattro giorni di convulsioni. Fu persino applicata la pena dell’acqua!
E quanti innocenti furono martoriati! Un disgraziato operaio, Antonio Cappello, sordomuto dalla nascita, venne sottoposto alla tortura nell’Ospedale Militare di Palermo, come se fingesse d’esser muto e sordo per sottrarsi al servizio militare: sul suo cadavere si poterono contare 154 bruciature fatte col ferro rovente!
Tutti questi sono fatti. Fatti documentati. Basta sfogliare il libro di Zingali: “ Liberalismo e fascismo nel Mezzogiorno d’Italia”, volume primo, da pagina 232 in poi: ci troverete questo ed altro! E non è un separatista che scrive, badate, ma un fascista il quale è stato persino segretario federale!
Nel 1866 la pazienza finì. Il popolo di Palermo si ribellò come un solo uomo.
“Una masnada di ladroni ha governato per sei dolorosissimi anni la patria nostra. Una masnada di uomini feroci l’ha insanguinata”: così incominciava il proclama rivoluzionario del 1866.
Nella città e nella provincia di Palermo, la rivoluzione assunse, dal 16 al 22 settembre, proporzioni tali, da costringere il governo ad inviarvi sollecitamente, con la qualità di Regio Commissario, il generale Raffaele Cadorna, alla testa di due divisioni di fanteria, un reggimento di cavalleria ed una brigata di artiglieria.
E vinsero loro, i ladri e gli assassini del popolo. Fucilarono senza processo migliaia di cittadini. Mentre invece gli insorti siciliani, che avevano preso prigionieri duemila soldati, non avevano ad essi toccato un capello.
“Repressa la rivolta e ristabilito l’ordine, le cose continuarono come prima. Non una legge fu votata, non un provvedimento fu preso per portare qualche rimedio ai mali esistenti, che andavano continuamente aggravandosi”. Sapete chi scrive queste parole? Non un separatista; ma dei bravi fascisti, unitari, Libertini e Paladino, a pagina 752 della loro “ Storia di Sicilia” pubblicata appena dieci anni fa.
Nel 1875 le cose continuavano a peggiorare. Il governo italiano propose misure eccezionali di polizia contro la Sicilia. I deputati siciliani insorsero. Ascoltate quel che disse Paolo Paternostro:
“Voi parlate delle condizioni eccezionali in cui si trova la Sicilia, del malcontento che vi regna. Ma, domando io, voi che cosa avete fatto per la Sicilia? Cosa ha fatto il governo? Nulla. O tutto il contrario di quel che doveva.
Se voi date un’occhiata a tutti i servizi della Sicilia, a tutte le amministrazioni, voi troverete che dappertutto, e sempre, il governo si è condotto male.
Sceglierò qualche esempio.
Sapete voi come è stata trattata la magistratura in Sicilia?
Quando ci sono stati i pretori che non hanno voluto secondare gli ordini dell’autorità politica, sono stati minacciati, talvolta traslocati.
E dei nostri impiegati (altro esempio) che cosa ne avete fatto? Ve lo dirò in due parole.
Quando voi spedite in Sicilia qualcuno, voi fate supporre che lo mandate per castigo, come se lo mandate in esilio, e gli dite: – Andate laggiù, andate in Sicilia; poi, se vi comporterete bene, se sarete zelante, allora provvederemo.
Questi signori vanno laggiù coll’idea di trovarsi in mezzo a gente che non valga la pena di dover rispettare come tutto il resto d’Italia; e fanno dello zelo eccessivo; e diventano spesso agenti provocatori; ed accrescono il malcontento.
E dei nostri impiegati di laggiù, degli impiegati siciliani, che cosa ne avete fatto? dei piccoli impiegati, soprattutto?
Perché a un vostro prefetto è saltato in capo di fare un rapporto più o meno insolente e offensivo per la Sicilia, voi credete sul serio che molti disordini si debbano alla così detta mafia, che si sarebbe infiltrata tra gli impiegati, e ... botte da orbo, traslocazioni, sbalzando gente con uno stipendio di fame in lontani paesi, senza neanche indennità di viaggio, spostando e rovinando tutti i loro interessi.
Che ne avete fatto delle nostre ferrovie? E delle nostre strade obbligatorie? E dei beni dei Gesuiti e dei Liguorini, che erano destinati alla pubblica istruzione?
Nelle nostre amministrazioni non c’è che il disordine, il caos. E le popolazioni si abituano a pensare e a dire: – Ma questo non è un governo; le imposte se le fanno pagare; il fiscalismo ci perseguita sotto tutte le forme, ci assedia e ci tortura; ma quando si tratta di amministrare, amministrazione non ce n’è.

Che cosa si fa? Si ricorre a mezzi eccezionali di polizia, si ricorre al governo militare, invece di migliorare economicamente il paese!”.
Ecco quel che gridò in Parlamento il deputato siciliano Paolo Paternostro. Le sue parole sembrano scritte oggi. E tutti noi siciliani, oggi, potremmo gridarle al governo fascista. Ma del governo fascista parleremo tra poco.
Dopo Paternostro parlò, nello stesso senso, Colonna di Cesarò. Poi Diego Tajani. Quest’uomo, patriota, esule e volontario delle guerre d’indipendenza, era stato dopo il 1860 Procuratore Generale alla Corte d’Appello di Palermo. E poiché era un uomo onesto e senza paura, aveva sentito il dovere di spiccare mandato di cattura contro il questore di Palermo, e di mettere sotto processo il prefetto di Palermo, colpevoli ambedue di abominevoli abusi. Il governo, naturalmente, si era messo contro di lui. Egli aveva dato subito le dimissioni chiudendosi in uno sdegnoso silenzio.
Eletto deputato, fu più tardi per due volte Ministro di Grazia e Giustizia. Orbene, quando vide che la Sicilia veniva nuovamente provocata e calunniata, Diego Tajani non seppe più tacere.
Per due giorni, innanzi al Parlamento esterrefatto, espose l’una dopo l’altra tutte le ingiustizie, le canagliate, le infamie di cui il governo italiano si era macchiato: stupenda requisitoria che tutti i siciliani dovrebbero imparare a memoria!
Concluse con questo avvertimento solenne: Ricordatevi che la Sicilia è un’isola, e le isole si considerano come qualcosa di distaccato, di autonomo!
Parole sprecate! La legge contro la Sicilia fu approvata. E nuove violenze si abbatterono sulla nostra disgraziata patria.
La Sicilia è stata sempre considerata come terra nemica, terra conquistata, da conservare con la forza. Per questo motivo, nel 1875, si tenevano in Sicilia ventitré battaglioni di fanteria e bersaglieri; due squadroni di cavalleria; quattro plotoni di bersaglieri montati; 3.130 carabinieri e numerose altre forze sussidiarie, fra le quali principalmente guardie di pubblica sicurezza e guardie a cavallo!
Si giunse così ai Fasci siciliani dei lavoratori, fondati e diretti da Giuseppe De Felice. Che cosa voleva la Sicilia nel 1893 – 94? Quel che ha sempre voluto: giustizia e libertà.
Il governo presieduto da Giolitti, riversò nell’isola una moltitudine di soldati, i quali non fecero che accrescere il malumore nel popolo.
L’inevitabile accadde: sul principio del 1893, uno scontro ebbe luogo a Caltavuturo tra la folla e la truppa. La truppa osò sparare sui pacifici paesani, un gran numero dei quali rimasero uccisi.
Promise Giolitti di far aprire un’inchiesta contro i militari che avevano fatto fuoco; ma non mantenne. Al contrario, durante l’intero anno, lasciò che la polizia e l’esercito si abbandonassero a tutti gli eccessi: nelle giornate di dicembre, che furono particolarmente accanite, più di 200 siciliani vennero uccisi, mentre la forza pubblica ebbe un solo morto.
Vedendosi assassinati, i siciliani insorsero dappertutto.
Ruppero fili telegrafici; incendiarono municipi, preture, esattorie, uffici del registro e del catasto, agenzie delle imposte, archivi notarili, casotti daziari; liberarono i carcerati; tentarono di disarmare carabinieri e soldati.
A questo punto, il Re concepì la mostruosa idea di affidare a un siciliano la repressione del movimento siciliano. Crispi accettò la parte di Caino.
Proclamò lo stato d’assedio; e nominò commissario straordinario con pieni poteri il generale Morra Di Lavriano, che pochi giorni prima aveva mandato a Palermo come prefetto.
Venne richiamata alle armi la classe del 1869; e più di 40.000 uomini vennero sbarcati in Sicilia. I capi del movimento furono gettati in carcere: e primo fra tutti De Felice che, essendo deputato, non poteva neppure essere arrestato senza l’autorizzazione della Camera. I Fasci siciliani dei lavoratori (che erano ormai 166 con 300.000 associati) furono sciolti e le loro sedi occupate militarmente. Proibiti gli assembramenti e le riunioni. Istituita la censura.
Per più di sette mesi la Sicilia fu sottoposta alla legge marziale. Gli arresti si facevano senza bisogno di prove. E le condanne venivano appioppate, il più delle volte, senza che gli accusati potessero neppure difendersi.
Le accuse, del tutto immaginarie. “Avere cooperato alla emancipazione materiale e morale dei lavoratori” era un reato severamente represso!
Nel giugno 1894, più di 1800 siciliani erano stati già condannati al domicilio coatto. Molti, a pene più gravi. De Felice a 18 anni di carcere, Bosco, Barbato e Verro a 12 anni.
Alla Camera dei Deputati, Felice Cavallotti dichiarò che il governo aveva violato le leggi e lo stesso Statuto. Poi prese la parola Matteo Renato Imbriani:
“Voi (disse rivolto a Crispi) avete stracciato ad una ad una tutte le pagine dello Statuto. Avete fatto scempio di tutte le nostre libertà…
Ci sono molti che dicono: – I Borboni bombardavano. – Ma bombardavano quando una città era in piena ribellione. Ma i Borboni non hanno mai fatto tirare sopra folle inermi ed affamate…”.
La Sicilia elesse deputati De Felice, Bosco e Barbato, che languivano in carcere. L’elezione, si capisce, venne annullata.
Così continuarono le cose, male sempre, fino alla guerra. Dal 1915 al 1918 anche e soprattutto in Sicilia i contadini e gli artigiani, i professionisti e gli studenti vennero strappati dalle loro case e mandati al macello.
Ma quando la guerra finì, chiedemmo la resa dei conti. E l’avremmo ottenuta, per Dio! se questo miserabile governo fascista non avesse rinnovato un sistema di poliziesca tirannide sopprimendo le ultime libertà e raddoppiando le nostre catene.

Antonio Canepa 1943


www.messinacity.com NEWS
www.siciliapaisi.org 333 7477702 090 9432048

rrusariu ha detto...

BBRAVU RRINU!!!
ACCUSSì SI CUNTANU LI COSI!!!
NON DOBBIAMO NASCONDERE NIENTE!!!

A MAGGIOR RAGIONE CHE C'è UNA CASTA RES/COSA-PUBLICA/NOSTRA TALIANA AL PARI DELLA RES-PUBBLICA ROMANA CHE SI PERMETTE DI DANNEGGIARE QUALSIASI CITTADINO.

ORMAI SIAMO ARRIVATI AL VILIPENDIO DELLA STESSA COSTITUZIONE ITALIANA DA PARTE DELLA STESSO STATO O "CASTA" SEMMAI.

DOBBIAMO CONTINUARE AD CONSIDERARE VALIDO QUESTO PATTO?

LA SICILIA AI SICILIANI !!!!!!

Gonzalo ha detto...

Anche in Europa, ai poteri forti massonici internazionali, farebbe comodo far tacere le bocche(ma non ai giornali, badate bene, questi sono già controllati)

Tuttavia in Europa gli stati hanno ancora qualche barlume di sovranità.

L'unico stato in questo momento veramente libero, in gradi di tenere testa ai poteri forti anglo-americani è la Russia di Putin.

saluti

L'Ingegnere Volante ha detto...

Caro Gonzalo,

Sulla libertà di stampa in Russia nutro qualche dubbio.

Per il resto mi trovi d'accordo.

Saluti a tutti,
Ing. Volante

Abate Vella ha detto...

Gonzalo,

in realtá sono un pó restio a pensare alle parti in gioco come dei blocchi impermeabili e contrapposti: gli interessi fluttuano e spesso coincidono o si sovrappongono.

Per esempio quando si parla di poteri forti anglo-americani, occidentali, o massonici, si dovrebbe anche prendere in considerazione la profonda spaccatura che attualmente solca l'Altlantico. Questo complica le cose, ma credo che ci permetterá di andare piú a fondo nel capire la situazione generale...

Gonzalo ha detto...

Ciao Ingegnere, la libertà di stampa è diversa dalla libertà di di un popolo.

Tu ad esempio non limiteresti la libertà di stampa dell'Innominato?

Da cosa deduci inoltre che in Russia non vi sia libertà di stampa?

saluti

Gonzalo ha detto...

Ciao Abate, le zone grigie ci sono sempre state ed alcuni giocatori, si sa, cambiano spesso squadra...

Tuttavia non si possono non notare due blocchi contrapposti, ovvero Stati Uniti-Inghilterra VS Russia

L'Ingegnere Volante ha detto...

Caro Gonzalo,

Riguardo alla libertà di stampa in Russia, che ne pensi della giornalista Anna Politkovskaya, ammazzata molto presumibilmente dai servizi segreti russi (leggi ex KGB) mentre stava scrivendo un reportage sulla tortura in Cecenia?

Intendiamoci, le atrocità commesse da quelli che fomentano la rivolta in Cecenia sono abnormi (penso principalmente alla vicenda dei bambini violentati e massacrati dentro la scuola di Beslan), ma da qui a dire che la Russia sia l'unico stato veramente libero al momento, ce ne corre.

Non dimentichiamo che Putin e i suoi sono cresciuti a pane e comunismo dentro il KGB.

Un caro saluto.

Gonzalo ha detto...

Ciao Ingegnere, hai detto bene "presumibilmente"
E' tutta li la differenza.