Approfondimenti - Il Consiglio News Feed

martedì, novembre 27, 2007

Aggiornamento sulle perle di Catania

Molti di voi ricorderenno che recentemente ci siamo occupati della situazione del Castello Ursino e delle collezioni d'arte che dovrebbero trovarsi in esso custodite.

L'assessore alla cultura del Comune di Catania aveva denunciato di aver subito minacce a causa della sua intenzione di riaprire il museo.

Il timore sia del Consiglio, sia dei navigatori che hanno commentato il post, era che una parte anche importante di quella collezione non si trovasse più al suo posto.

Riportiamo di seguito per intero e senza ulteriori commenti quello che ha pubblicato oggi il sito de La Sicilia sull'argomento. Un grazie di cuore all'assessore Grasso.

Silvana Grasso cerca un Rembrandt in tv

CATANIA - La presentazione di una denuncia al Questore in mattinata e la richiesta di una diretta televisiva della trasmissione di Raitre 'Chi l'ha visto?' dal Castello Ursino: sono le iniziative annunciate dall'assessore alla Cultura del Comune di Catania, Silvana Grasso, per cercare di ritrovare 51 tele "di pittori del Seicento" scomparse dalle cantine del maniero.

Tra queste anche una piccola tela di Rembrandt, della cui presenza nei depositi del Castello Ursino sarebbe traccia in una catalogazione con una descrizione incompleta: "monaco che tiene in mano...".

"È una tela piccola - spiega l'assessore Grasso - che chiunque ha potuto arrotolare, mettere sotto un maglione e portare via. Forse esiste una foto". Analoga sorte sarebbe toccata a altri 50 piccoli dipinti di pittori del Seicento, compreso a un Guido Reni.

"I furti - ricostruisce - furono denunciati ai carabinieri nel 1995 ma da un funzionario dell'ufficio Anagrafe e non dall'assessore e la notizia fu taciuta per non fare clamore, alla siciliana, spegnendo quei riflettori che oggi io ho fatto diventare fuoco". Adesso li cerca in Tv, sperando in aiuti per trovarli.

11/26/2007


xFruits

11 commenti:

Gonzalo ha detto...

Ciao ragazzi,
mi sa che Berlusconi ha deciso di far cadere il governo

Gonzalo ha detto...

Grandi pulizie nella Casa delle Libertà
Adesso si vuole far davvero cadere il governo

www.neoborbonicisicilia.it

Abate Vella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gonzalo ha detto...

Ciao ragazzi,
finalmente Lombardo ha messo allo scoperto il suo piano logistico-infrastrutturale, non so se avevate visto questo link:
http://www.mpa-italia.it/press.php?id=1098

Gonzalo ha detto...

Ho letto la notizia delle banche.
Sapevo che sarebbe finita così, hanno favorito la fusione tra le banche nazionali(italiane) per fare in modo che una banca "inglese" con un acquisto solo se le comprasse tutte.

Ci tocca difendere CAPITALIA-UNICREDIT prima che vadano a finire nella Londra finanziar-massonica perchè dentro ci sono in palio gli sportelli del Banco di Sicilia!!!Non solo quelli padani.

Abate Vella ha detto...

Mi fa piacere che Gonzalo abbia capito il gioco dei padani: prendere per fessi i siciliani ed indurli a salvargli il culo per poi ricominciare a rubare. Certo é difficile capire poi come mai lui appoggi questi piani....

Piani logistico-infrastrutturali di Lombardo? Qui si rasenta la farsa... A Lombardo i piani vengono passati da qualcun altro, e tu lo sai benissimo.

Caro Gonzalo, NOI siciliani non siamo così fessi come credi...

Gonzalo ha detto...

Ciao Abate,
scusami ma non riesco a capire come tu possa pensare che io creda i siciliani fessi.. ti rammento che stai parlando con un siciliano orgoglioso di esserlo, spero che adesso non si scada a discutere chi è più o meno siciliano...

Il piano di Lombardo certo che so che gli è stato passato, lui è un politico mica un imprenditore.
Ad esempio chissa quanti collaboratori delle più svariate materie ha Berlusconi.
L'articolo riprendeva quanto avevo anticipato nei miei editoriali.

Mi permetto di darti io un Consiglio, non creare spauracchi ne mali assoluti, tipo i padani, la DC ecc.ecc. perchè si sbaglia sempre.

Ormai la Padania è fallita, i veri nemici oggi stanno a Londra ed a New York.

saluti
Gonzalo

rrusariu ha detto...

Come quelli che hanno fatto l'italia, il regnucolo piemontese è stato usato come testa di ponte, per abbattere l'unica potenza che poteva competere con gli inglesi.

Siamo onesti, quelli che stanno a londra e nova iork sono a suo tempo succubi di qualcuno che sta su queste sponde mediterranee, con le sue testate nucleari.

In fondo le banche italiane giocano solo nei campetti di periferia, quando arriva la promozione, cioè vengono o mangiate o fagocitate a secondo del grado di resistenza, ma c'è sempre un impulso-diktat da qualche parte, a cui non osano opporsi. Siamo finiti in mano dei banchieri-cavalieri di epoca romana, in cui si potevano usare una massa enorme di schiavi-debitori.

Bisogna vedere bene il compitino che è stato dato a Mr Lumbard nostrano, di fatto adesso si è dovuto sorbirsi l'amaro Cuffaro, cosa vuole di più dalla vita.

Le uniche potenze a contendere li miricani sono Russia & China, l'India e l'Iran.
Forse l'Iran potrà vedere bene un cambiamento mediterraneo. La Scozia con il referendum del 2010 sull'indipendenza potrà dire la sua, ma alla fine sarà legata alla politica delle banche della city.
Puo' darsi se la Catalunya si spingerà più avanti potremo veramente sperare in uno scossone.
La francia ormai si l'accattaru, la germania avi li sordi, ma kuannu po accatta nni la russia, li ngrisi senza scozia si scantanu.
A dda bbanna ru Faru, cu avi penza sulu a accucchiari ciossà.

Cmq dobbiamo essere sempre noi gli arbitri del ns destino, i vari cuffaro-lombardo-miccichè tenderanno a farsi appoggiare dai vari comitati locali per apparire saldamente al comando.
Bisogna fare come gli Scozzesi con un partito unico siciliano o alla Catalunya con una convergenza di tutti i movimenti, lasciando da parte le varie ideologie che sono state create ad hoc da quegli stessi che finanziarono i bancarottieri piemontesi.

L'Ingegnere Volante ha detto...

A proposito di banche, forse può interessarvi il mio ultimo post: Come i Siciliani finanziano comunisti e musulmani.

Saluti.

Anonimo ha detto...

quello che ha scritto ingegnere è veramente scandaloso; speriamo che il papa mandi una crociata....

Gonzalo ha detto...

Ciao Anonimo, guarda che in genere siamo noi ad organizzare le crociate, vedi Messina :D