Approfondimenti - Il Consiglio News Feed

martedì, ottobre 26, 2010

Indovinello

Raffele Lombardo, parlando con i giornalisti a Palermo ha ripetuto alcuni concetti che avevamo già sentito sibilare tra le sue labbra di tanto in tanto più o meno negli stessi termini (“Italia150: la Sicilia non dovrebbe festeggiare”, Industriale-oggi.it 26 ottobre 2010):

“L’Unita d’Italia - ha aggiunto - fu una vera e propria annessione, una guerra dichiarata al Regno delle due Sicilie che ha prodotto si qualcosa, ma non per noi. Si sono portati via le riserve auree delle nostre banche con cui hanno finanziato lo sviluppo industriale del nord, hanno determinato una serie di leggi per tassare il pane della gente e depredare la Chiesa. Si contano in quell’epoca decine di migliaia di emigrati e chi ha osato resistere è stato tacciato di brigantaggio o è stato ammazzato senza pietà Non credo sia un occasione per festeggiare, per noi siciliani.”

Più o meno. Perché qualcosina di nuovo c'è.

Il qualcosina di nuovo, introdotto dal neretto di sopra, ci viene sciabolato addosso nelle righe seguenti:

“Che il signor Bossi questa benedetta secessione la faccia, come se fosse una punizione per noi, vediamo se non ce la caviamo meglio, ma che nella nostra area non ci sia Roma, se no non abbiamo concluso niente.”

Ricapitolando: ora sappiamo che Lombardo non vuole Roma. D'altronde Bossi ha sempre lasciato intendere che di Roma non ne vuole sentire parlare.

Allora l'indovinello è il seguente: a chi la daranno questa benedetta città eterna quando si spacca questa maledetta Italia?

La soluzione entro il dicembre 2012.

4 commenti:

COMITATO SICILIANO ha detto...

Ciao Abate, io penso che Roma tornerà a fare il ruolo che le compete: la Capitale della Cristianità.

Abate Vella ha detto...

Salve Comitato!

Quello sicuramente... io però mi riferivo più alla sua sistemazione "politica" ;)

A meno che tu non ti riferivi a tutte e due... ;))

COMITATO SICILIANO ha detto...

Mi riferisco al fatto che Roma perderà la sua valenza politica, e diventerà una specie di Città Franca, continuando nel suo ruolo di Capitale del Cristianesimo.

Anche perchè mi pare di capire che non la vuole più nessuno da un punto di vista politico...
Se così sarà assisteremo ad uno spopolamento di imperiale memoria

sR ha detto...

http://www.ilgiornale.it/interni/lombardo_secessione_la_fa_sicilia/28-10-2010/articolo-id=483218-page=0-comments=1