Approfondimenti - Il Consiglio News Feed

lunedì, febbraio 11, 2008

I Pirati a Palermo




I pirati a Palermu
Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu
li pirati sbarcaru
cu li facci di nfernu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

Tuttu l'oru all'aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
Su mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)

A li fimmini nostri
ci scipparu di l'occhi
la lustrura e lu focu
c'addumava li specchi.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia (chianci)


Traduzione del testo in italiano.

Etta Scollo, cantautrice Siciliana trapiantata prima in Autria e poi ad Amburgo in Germania, è una grande interprete che spazia dal blues, al pop, alla musica Siciliana. Malgrado in Italia i suoi dischi non abbiano avuto un grosso riscontro economico, alcuni brani da lei interpretati hanno fatto il giro del mondo. Valga per tutti la sofferta 'I tuoi fiori' (scritto da Etta medesima), colonna sonora del film coreano 'Bad Guy' presentato nel 2002 alla berlinale. Pochi avranno mai notato i suoi CD nei nostri negozi di musica. Vista la lottizzazione imperante anche tra gli scaffali della musica italiana li potrete inspiegabilmente trovare relegati nel polveroso ghetto della musica tradizionale. Accanto al CD "Le canzoni della mafia". Bastardi.

Per avere un'idea della sua produzione visitate il sito www.ettascollo.de dove potrete anche ascoltare diversi brani.

8 commenti:

Peppinnappa ha detto...

Siamo in piena atmosfera elettorale, che qui in Sicilia acquista particolare valenza. In concomitanza, come ha già fatto notare Rrusariu, ogni dibattito su questo blog cessa. Il neoborbonico Gonzalo sarà impegnato con Lombardo, d'altra parte non ne ha mai fatto mistero, ma anche tutti gli altri, pari ca su tutti ncampagna eletturali, ognunu ppi fatticeddi so. Che fiducia si può avere in questo indipendentismo?

rrusariu ha detto...

Semmai la campagna elettorale la facciamo pure qui anche se non è il luogo preposto.
A parte u bbabbiu questo è il momento secondo me per alzare il livello di consapevolezza e poter dire che in aprile ci saremo.

Io personalmente non lascerò niente di intentato per cercare di permettere la presenza della lista di chi vuole veramente una Sicilia Autonoma e Indipendente.
Sugnu siddiatu di vutari il solito teatrino.

Iè a lu skuru nun ci vogghiu stari kiù. Vogghiu u suli ra Sicilia ka duna luci!!!

Staiu usannu stu Sicilianu ku li kappa pirki akkumpari menu talianu e kiù straniu ma no a li Siciliani.

Avemu ciossà ri 8000 anni e putemu iri ankora avanti.

Abate Vella ha detto...

Peppinnappa, Rrusariu,

mi immagino tutti i partiti siciliani (autonomisti, indipendentisti etc etc) impegnati in serratissime contrattazioni a 360 gradi con tutto lo spettro politico.

Perchè? Perchè la spaccatura del centrodestra sta aprendo molti varchi.

Certo queste contrattazioni non sono il massimo, ma di politica si tratta...

Tra qualche giorno potremo esprimerci in proposito.

Gonzalo si è schierato troppo presto. E non ci guadagnerà niente (politicamente parlando, intendo!). D'altronde se ci pensate bene le campagne elettorali non si fanno per i propri elettori: quelli ti votano comunque! Si fanno per quelli degli altri ;)

tancredi ha detto...

ma cosa si dovrebbe commentare? il modo in cui i partiti siciliani e pseudo sicilianisti la metteranno per l'ennesima volta nel c--o della povera gente? a me ogni qualvolta ci sono elezioni passa mi viene il voltastomaco.

Ma avete visitato di recente il blog di Micciché? un delirio devastante, un continuo susseguirsi di sciocchezze. un pollaio nel senso di esseri con poco cervello. preferisco osservare e prendere nota...

Antudo

Massimo ha detto...

@ Tancredi,
più costruttivismo fratello!
Se ti firmi Antudo, vuol dire che nel Vespro ci credi. E' chiaro che ci sono e ci saranno trasformismi, ma bisogna guardare con realismo alla politica. A che serve il disfattismo? E poi cosa c'entra Micciché col Sicilianismo? Ah, la millantata "rivoluzione siciliana"... Ma per favore...
Un partito che prende ordini da un miliardario che sta ad Arcore, non sarà mai veramente autonomo, altro che autonomista, e men che mai federalista o indipendentista...
Altro è il discorso sull'MPA. Stiamo a vedere prima di sparare. Lo sappiamo che la testa di Lombardo è ancora troppo all'Italia, ma ci sono dei segnali di cambiamento di rotta. Non è settario non vederli?
Oppure facciamo un discorso "o tutto o niente, tutto non è possibile, allora meglio niente".
Mi immagino che il più acceso dei separatisti non voglia che domani mattina sia proclamata l'indipendenza della Sicilia. Se è necessario passare per gradi ad una progressiva emancipazione della nostra terra, e c'è un pezzo delle istituzioni che finalmente ne fa una bandiera, noi che diciamo "no! non voglio, perché poi ti fermi e io invece voglio andare avanti".
Mah! Questo sì che da fuori può sembrare un Sicilianismo litigioso, geloso, reducista, invidioso,... e soprattutto inutile alla Sicilia.

Abate Vella ha detto...

Tancredi,

il blog di Miccichè è solo campagna elettorale, come sono campagna elettorale le varie manifestazioni di protesta che l'MPA fa SOLO in vista di elezioni.

Come ho fatto notare nel post Affari loro c'è una frattura nel centrodestra, ed una frattura significa spazi aperti (credo che Massimo si riferisca proprio a questo...) per cui se qualcuno riesce ad infilarsi tra questi spazi potrebbe uscirne qualcosa di buono.

Personalmente credo che questo spazio sarà richiuso da Berlusconi in un modo o nell'altro, ma vedremo. Potrei sbagliarmi.

Altra cosa da notare: le elezioni nazionali sono un farsa senza valore. Tutto si gioca in Sicilia. I giornali nazionali parlano di frattura Berlusconi-Casini. Questa frattura non esiste. La vera frattura è tra Cuffaro-Lombardo e Miccichè. Le dinamiche di Roma sono solo un riflesso di questo.

Ma anche lo scontro MPA+UCD vs Forza Italia in Sicilia non è il vero scontro. Il vero scontro è tra CT e PA: Miccichè si sta ribellando all'epocale trasferimento di potere da occidente ad oriente. Che non è una cosa Siciliana, ma viene da molto più lontano.

Anonimo ha detto...

Caro fratello, Ho seguito il link che hai lasciato nel blog (Pres. Micciché). Fai dei pensieri buoni qua. Ma dimmi chi è la donna che canta 'li pirati'? Havi na bedda vuci ca a mia assumigghia chidda di la mitica Rosa Balistreri bon'arma. salutamu

Abate Vella ha detto...

La canzone è cantata da Etta Scollo, ne parlo alla fine in corsivo. Etta ha pubblicato un CD-tributo a Ro ed ha eseguito una serie di concerti (3 in tutto credo!!! più uno lo scorso anno a Catania) dedicati a lei insieme all'orchestra sinfonica Siciliana. Il video che vedi è tratto da un edizione speciale del CD che include anche un DVD con una intervista e 3 video.

PS: il link sul blog di Miccichè non l'ho postato io. Ma siccome quello che si scrive su queste pagine non appartiene a me, ma alla Sicilia (non uso neanche il creative commons) chiunque può riprendere e linkare verso questo indirizzo, essendone in parte proprietario.